Pentole Bionatural

Altre viste

Pentole Bionatural

Disponibilità: Disponibile

Tegami in pietra refrattaria
Descrizione

Dettagli

Da un impasto realizzato con elementi naturali provenienti dalla Castiglia (regione centro-settentrionale della Spagna) e dall'abilità manuale dell'artigiano Ramon Garcia Casado, nascono le pentole Bionatural.
Le terre vengono raccolte, purificate e lavorate in modo da escludere ogni presenza di elementi dannosi e nocivi alla salute anche nella fase dell’invetriatura, operata con prodotti a base di silicati di sodio e calcio, privi di piombo, cadmio e altri metalli pesanti.
Dalla terra al fuoco, le pentole Bionatural vengono cotte a 1100°C, con un ciclo completo di riscaldamento e raffreddamento della durata di due giorni, originando garanzia di qualità e resistenza agli shock termici. Non si danneggiano cioè, col cambiamento di temperatura.
 
Ideali per una cucina più sana e adatte nella cucina tradizionale e regionale, mantengono i sapori e rispettano le proprietà degli alimenti.
Le pentole Bionatural danno i loro risultati migliori nelle cotture lunghe e lente tipo zuppe, cereali e legumi. Il cibo viene cotto in maniera più graduale ed omogeneo rispetto agli altri materiali.
 
IMPORTANTE: le pentole assorbono il calore e restano calde anche dopo avere spento il fuoco, quindi negli ultimi 5/10 minuti di cottura dovete valutare quando è il momento più adatto per spegnere il fuoco e portare a termine la cottura sfruttando il calore già accumulato.
 
Quali attenzioni si devono avere durante l'uso:
  1. Le pentole vanno scaldate a fiamma viva, poiché il materiale si deve scaldare in maniera uniforme. Quando la pentola è calda ed ha raggiunto la sua temperatura di esercizio si può abbassare per proseguire la cottura.
  2. L'argilla è un materiale sensibile agli urti è quindi consigliato appoggiare con delicatezza e non battere il mestolo sul bordo dopo avere mescolato.
  3. Le pentole Bionatural assorbono calore e rimangono calde a lungo quindi non si devono appoggiare su materiali infiammabili o che possono rovinarsi per il calore.
  4. Non è necessario utilizzare lo spargifiamma durante la cottura. Potrebbe capitare che, se lo spargifiamma è più piccolo della base della pentola, quest’ultima si potrebbe rompere per la differenza di temperatura tra la parte che sta in contatto e quella che non è appoggiata sullo spargifiamma. Chi volesse utilizzare uno spargifiamma deve quindi usarne uno che sia grande almeno quanto la base della pentola.